Barcellona romantica e silenziosa. Incanto e magia non solo il 14 febbraio…


Eccolo di nuovo, San Valentino…

In questi giorni i negozi, i bar ed i ristoranti di Barcellona si sono riempiti di peluche, cioccolatini, gadget vari a forma di cuore, le vetrine si colorano di rosso e spuntano brillantini e cuoricini ovunque.
Eccolo qua, San Valentino sta arrivando…eccola qua la Barcellona romantica

Ho deciso di scrivere questo post perché l’avvicinarsi di San Valentino mi ha fatto sorgere questa domanda: ma Barcellona è davvero un città romantica? Sinceramente il termine “romantica” non è il primo aggettivo che io attribuisco alla città.
Barcellona è una città festaiola, caotica, piena di turisti che vengono qua per fare “fiesta”, per bere Sangria, per divertirsi…è una città dove difficilmente troverai una trattoria dove mangiare a lume di candela con il tuo lui o la tua lei, a meno che non ci si allontani (di molto) dal centro storico….e comunque credo che qui il concetto di “trattoria” come lo conosciamo noi, non esista…
Qui non si trovano i meravigliosi bistrot francesi che si trovano a Parigi e non ci sono lunghi ponti (come nella foto sotto) su cui affacciarsi per respirare quell’aria leggera e poetica che si respira nella capitale francese..

Ponte a Parigi

E allora ho iniziato a pensare: dov’è la Barcellona romantica? Ma soprattutto… dov’è la Barcellona silenziosa? Quella dove i turisti non ci sono, quella dove i ragazzetti che vogliono fare festa non si vedono, quella dove puoi passeggiare mano nella mano senza troppe voci attorno….

Perché è questo che a me interessa. Io non sono un’eterna romanticona, non lo sono per niente. Per San Valentino non ho bisogno di fiori, regali o cioccolatini a forma di cuore…magari datemi della cioccolata si! 😉
Per il giorno di San Valentino penso solo ad allontanarmi dal centro città e raggiungere luoghi silenziosi, come un parco o un giardino poco conosciuti
Non ho bisogno di andare in un ristorante dove propongono menù a prezzi esagerati, mi basta un ottimo panino per un picnic ed una gita fuori porta con il mio ragazzo.

I luoghi silenziosi di Barcellona (e dintorni)

Credo semplicemente che un luogo diventi romantico quando si crea la magia, quella magia che fa stare bene, che crea quella sensazione di totale benessere con il tuo lui o la tua lei. E la magia si crea dove c’è silenzio, dove c’è pace…
E allora allontaniamoci dalla confusione della Sagrada Familia (per quanto la Sagrada possa essere estremamente magica, ma di altra magia si tratta). Ti porto nei luoghi più silenziosi di Barcellona e dintorni.

Jardines de La Tamarita

Questi giardini si trovano nel quartiere di Sant Jervasi (Paseo de Sant Gervasi, 47-49) , uno dei quartieri della zona alta della città.
Un tempo di proprietà privata, ora sono accessibili a tutti e sono perfetti per passeggiare, rilassarsi e godere della natura. Sono lontani dal centro e le mura di pietra che li circondano proteggono dal rumore della città.

Giardini de la Tamarita Barcellona

Questa area verde si divide in due zone, una più dallo stile classico, con statue, cascate e gazebi in stile francese, e l’altra più naturalistica e selvaggia con sentierini nascosti  tra piante e molta vegetazione. C’è anche una area giochi per bambini.
Come arrivare: è molto semplice, da Plaza Catalunya puoi prendere la linea L7 del treno con destinazione Av. Tibidabo (si scende al capolinea).

Parco del Labirinto di Horta

Questo parco si trova nel quartiere di Horta-Guinardó ed anche qui ci troviamo nella parte settentrionale della città. Ancora poco conosciuto ai turisti, è considerato il parco più antico di Barcellona ed al suo interno si trova una bellissima residenza reale, numerose fontane, giardini ed un divertente labirinto a cui possono accedere tutti, non solo i bambini..

Parco del Labirinto Horta Barcellona

Una delle caratteristiche interessanti di questo parco è che ammette un massimo di 750 persone al giorno, affinché ne venga mantenuta la bellezza, e quindi non ti sarà difficile trovare un angolino silenzioso dove trascorrere momenti tranquilli con il/la tuo/a partner. Ecco la Barcellona romantica per me! 😉
Ci sono tantissimi passaggi e stradine nascoste tra la vegetazione e più sali verso la parte alta del parco, più troverai pace e silenzio.

Parco del Mirador del Migdia

Se vuoi goderti Barcellona dall’alto, uno dei punti panoramici meno frequentati in città è il Parco del Mirador del Migdia che si trova sulla montagna del Montjuic.
Di fatto si trova in uno dei punti più estremi della montagna, tra la Zona Franca, il quartiere di Marina del Port ed il quartiere di Poble Sec.
Quello che devi fare è raggiungere il Castello del Monjtuic e da lì camminare in direzione Poble Sec: puoi raggiungere il Giardino Botanico, i Giardini de Mossèn Cinto Verdaguer e quelli di Joan Brossa.

Mirador del Midgia Barcellona

Dall’alto vedrai l’Anello Olimpico, il porto di Barcellona, il centro storico..potrai, anzi potrete, godere del verde e di tutta la città intera. E se volete mangiare qualcosa, c’è La Caseta del Migdia!

Spiaggia del Garraf e spiaggia del Vilanova i la Geltrú

Obiettivamente si sa, passeggiare lungo la spiaggia è una delle attività preferite dai romanticoni.
Beh, le spiagge di Barcellona non sono le migliori per fare una tenera passeggiata: decisamente troppa confusione, troppi turisti, troppa gente.

Il mio consiglio spassionato è prendere un treno e raggiungere le spiagge fuori città. In 30 minuti circa puoi raggiungere la spiaggia di Garraf e quella di Vilanova i la Geltrú.

Spiaggia del Garraf Barcellona

La prima è perfetta perché super tranquilla (a meno che non si vada in pieno agosto) e considerata una delle spiagge più pulite del litorale barcellonese. Ci sono piccole casine di pescatori lungo la costa e si può anche passeggiare tra i sentieri della montagna Coma Roja.
Stesso discorso vale per la seconda spiaggia: pulita, tranquilla e silenziosa. La sabbia qui è molto fine, l’acqua pulita e la passeggiata romantica..ideale! 😉

Entrambe le spiagge si raggiungono prendendo il treno della Renfe Rodalies C2 dalle stazioni di Clot-Aragó, Paseo de Gracia o Sants.

I chiostri di Barcellona

Se l’idea è quella di rimanere in città e non vuoi /volete allontanarvi dal centro storico, ci si può “rintanare” nei tanti chiostri della città, luoghi magici e silenziosi che a me piacciono tanto.
Li adoro perché bastano pochi passi per fuggire dal rumore delle stradine del centro e ritrovarsi in piccoli ambienti quieti e suggestivi.

Chiostro del Convento di Sant Augustì Barcellona
Tra quelli che più adoro visitare ci sono:

  • il Chiostro della Chiesa di Santa Ana, in pieno Gotico a cui si accede da Carrer de Santa Ana. Io l’ho scoperto partecipando ad uno street tour con altri blogger…e dire che per quella strada ci passo quasi ogni giorno e per qualche mese c’ho lavorato! 😉
  • Il Chiostro dell’antico Ospedale de la Santa Creu, nel quartiere del Raval. Uno degli esempi più belli dell’architettura gotico catalana. (ci si arriva da Carrer de l’Hospital o Carrer del Carme)
  • il Chiostro del Convento di Sant Augustí, nel Born vicino al Parco della Ciutadella. Lo si raggiunge passando per Carrer d’En Tantarantana o Carrer del Comerç. Anche questo l’ho scoperto dopo mesi che ero a Barcellona ed è davvero un angolino di pace perfetto…ma se vuoi prenderti una birretta, c’è anche un piccolo bar! Qui inoltre spesso organizzano eventi e rappresentazioni musicali e teatrali.

Ristoranti romantici dove mangiare a Barcellona?
No, ammetto che in questo caso non ho consigli da dare perché sono la prima che non andrebbe mai a mangiare fuori per San Valentino… 😉
Posso solo consigliare di allontanarvi il più possibile dal centro e cercare un ristorantino piccolo che proponga cucina locale senza troppi menù romantici esposti in vetrina, qualche piatto tipico ed un buon vino, oppure comprate un buon panino da gustarvi in uno dei parchi di cui vi ho parlato! 😉

Alla prossima! 😉

 

Ti può interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.