Barcellona è una città che accoglie le idee a braccia aperte 1


Un progetto ricco di storie, si parte insieme ai DREAM TRAVELERS…

Finalmente si parte! Inizia così il mio nuovo progetto, il mio grande desiderio di creare una comunità di viaggiatori, si sta realizzando.
Poco a poco, raccoglierò le storie di chi come me ha deciso di lasciare il proprio paese per raggiungere un sogno, per fare una nuova esperienza, per scoprire nuovi mondi.

C’è chi ha scelto e chi è stato scelto, c’è chi in una città c’è finito per caso e chi invece sognava di trasferirsi in quel paese da sempre, c’è chi vuole costruirsi una famiglia all’estero e chi vuole girare il mondo.
Ci sono le storie di chi ha deciso di seguire qualcuno, chi è partito e poi tornato, chi ha deciso di non tornare più.

dream travelers

Storie che ispirano, persone che emozionano, vite che incontri e che ti lasciano il segno. 
C’è una cosa che mi fa sentire pienamente parte di questa grande comunità: il desiderio di crescere, di scoprire, di diventare ciò che vuoi essere.

Parto da lei, Barbara, un’amica, una collega, una compagna di avventure. Barcellona è fatta di persone che vanno e che vengono e lei l’ho conosciuta troppo tardi, quando ormai, la sua esperienza a Barcellona stava, o meglio, sta per terminare….ma sono più che certa, tornerà presto indietro da noi! 😉

Barbara e la sua Barcellona

Mi chiamo Barbara e ho 26 anni. Mi considero una sociologa breve, come la mia laurea in sociologia, disciplina che rappresenta per me una passione che continuo a vivere attraverso tante strade diverse. Mi sono poi specializzata in marketing e comunicazione e ho scoperto un mondo fatto di immagini e relazioni, dalla forza incredibile.

Murales Sant Antoni

Nel frattempo ho fatto diverse esperienze di lavoro: dalla televisione alle ricerche di mercato, dalla tecnologia alla moda. Nel mentre mi sono trasferita a Barcellona, una città che accoglie le idee a braccia aperte e che ti insegna che “volere è potere”.
Ho quindi aperto un blog personale dove racconto la città dal mio punto di vista e che si sta ora trasformando in uno spazio per accogliere esperienze di vita, con uno sfondo di luoghi speciali. Dopo aver vissuto 10 mesi nella capitale della Catalogna, infatti, tornerò in Italia per provare a far fruttare quella che per ora è stata l’esperienza più bella della mia vita, insieme alla voglia di scoprire (e, perché no, vivere) nuove città.

Cosa ti ha spinto a lasciare l’Italia? Qual’è stata la tua motivazione?

Principalmente il fatto che non riuscissi a trovare lavoro. Durante e dopo l’università mi tenni occupata con lavori che non mi piacevano o poco pagati o poco gratificanti.
Mentre vivevo l’ultima di queste esperienze mi impegnavo ogni giorno a cercare e cercare, facevo colloqui, corse, alimentavo false speranze.
Dopo 6 mesi di ricerca senza sosta mi ritrovai con un contratto che sarebbe scaduto di lì a poco e nessuna prospettiva futura. Così ampliai le mie ricerche fino alla Spagna e in breve tempo mi ritrovai a pensare che a settembre avrei iniziato un nuovo lavoro a Barcellona, per davvero.

Bunkers del Carmel - Barcellona

Hai scelto Barcellona. Perché hai scelto proprio lei? Dimmi un pregio ed un difetto di questa città

Ho scelto Barcellona per amore, ma non per “lei”, perché io a dire il vero nemmeno la conoscevo. L’ho scelta perché il mio ragazzo si sarebbe trasferito lì per motivi di lavoro, per 6 mesi..ed i tempi hanno coinciso perfettamente. Volevo provare a rimanere con lui per 3 mesi, per intraprendere quell’esperienza all’estero che non avevo mai avuto il coraggio di fare.
La cosa buffa è che i 3 mesi sono diventati 10 e che ora vivo a Barcellona da sola, ma qui non mi sento sola neanche per un momento.

Un pregio è il suo essere alla portata di tutti: qualsiasi tipo di persona tu sia, Barcellona troverà sempre il modo di soddisfare i tuoi gusti e le tue esigenze.
Un difetto è … che ci sono troppi, troppi Italiani ovunque 😉

Il tuo posto preferito in città

E’ molto difficile rispondere a questa domanda..ce ne sono così tanti di posti preferiti! Ma se dovessi fare uno sforzo estremo per ridurre la lista a uno, direi il Mercato del Libro della domenica mattina in Carrer Comte Urgell.

Un consiglio per coloro che vogliono trasferirsi a Barcellona.

Liberatevi dai pregiudizi e preparatevi ad accogliere le diversità, mescolate con un mondo di tradizioni.

Parco de la Ciutadella Barcellona - dream travelers

Follow your #dreams. Qual’è il tuo sogno più grande?

Il mio sogno più grande è trovare un lavoro (vero) che mi appassioni, o riuscire a far diventare le mie passioni un lavoro 😉

Per chi sogna di partire ma non ha ancora avuto il coraggio di farlo, che consiglio daresti?

Non ascoltare troppo le opinioni degli altri. Poi fermati a pensare quale scelta di vita non ti farebbe avere rimpianti: quella sarà la risposta.

The Dream List: tre città che desideri visitare o dove andresti a vivere (almeno per un periodo)

Buenos Aires: vorrei ballare tango nella sua terra natia
San Francisco: vorrei raggiungere una persona speciale
Dublino: vorrei tornare a viverci

Tre parole per descrivere perché dobbiamo viaggiare

Incontri, indipendenza, giostra.

 

Ti può interessare


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Un commento su “Barcellona è una città che accoglie le idee a braccia aperte