Da Barcellona a Valencia. Un breve viaggio per visitare Valencia in tre giorni


Scopriamo Valencia!

Valencia è una città davvero molto carina, ricca di arte, storia e scienza! 3 giorni sono perfetti per visitare la città, 3 giorni di puro relax passeggiando tra le piazze e le stradine del centro storico, le spiagge e la grande Città delle Arti e delle Scienze.

Qualche anno fa, durante uno dei miei soggiorni a Barcellona, ho deciso di prendere un treno e raggiungere la splendida città di Valencia.
Valencia è una città piccolina, perfetta per una visita ed un viaggetto di 3 giorni ed il clima è gradevole durante tutto l’anno.

Come arrivare a Valencia da Barcellona

Se non si ha a disposizione un auto, da Barcellona puoi raggiungere la città di Valencia in treno o in bus. Io avevo preso il treno e mi ero trovata molto bene, ricordo i sedili larghi e comodissimi! 🙂

In treno

E’ sicuramente il mezzo più rapido che ti permette di raggiungere Valencia in circa 3 ore e mezzo di viaggio. La compagnia di treni in Spagna si chiama RENFE e puoi scegliere tra 3 diverse opzioni: il treno AVE, il treno Euromed ed il treno Talgo.

L’AVE è il treno ad alta velocità (come il nostro FrecciaRossa per intenderci), mentre gli altri due sono come i nostri Intercity. Generalmente l’AVE costa di più, però ci sono sempre molte offerte ed i prezzi variano molto in base al periodo dell’anno e da quanto prima acquisti il biglietto.

Mediamente un viaggio di sola andata costa sui 25/30€.
In ogni caso ti consiglio di visitare direttamente il sito web della Renfe, così da poter consultare, in ogni dettaglio, orari e prezzi.

In bus

Il tragitto in bus è un po’ più lento, circa 4/5 ore (dipende dal percorso), però è comodo comunque. La maggior parte delle tratte vengono svolte dalla compagnia di bus ALSA.

Il prezzo può variare dagli 8€ ai 40€, anche in questo caso dipende dal periodo dell’anno e soprattutto da quanto prima acquisti il biglietto.

Visitare Valencia in 3 giorni. Cosa vedere

1° GIORNO

Ricordo che il primo giorno lo dedicai al centro storico, ed è quello che ti consiglio di fare. Il centro storico è un piccolo gioiellino, pieno di viuzze e piazzette che sono un incanto!
Andiamo alla scoperta dei principali monumenti storici di Valencia:

Plaza de l’Ayuntamiento: la piazza principale e punto di partenza per chi è nuovo in città, visto che si trova vicino alla stazione dei treni.
E’ piena di palme e due grandi fontane. In questa piazza si trova il Palazzo del Comune di Valencia che, se vuoi, puoi visitare gratuitamente la mattina.

Mercat Central Valencia

Mercat Central: dalla piazza si può raggiungere questo mercato, il più grande in città. Una grande struttura modernista che ricorda il tipico stile modernista catalano: ceramiche, colori, vetrate ampie e luminose.

Qui troverai non solo splendide bancarelle di frutta e verdura, salumi e formaggi tipici, ma potrai anche sederti in uno dei piccoli bar che si trovano all’interno e gustarti qualche tapas o qualche prodotto locale.
Il Mercato è aperto tutti i giorni dalle 7 del mattino alle 15 del pomeriggio.

Lonja de la Seda Valencia

La Lonja de la Seda: si trova di fronte al Mercat Central e significa “Borsa/Mercato della Seta”. Un maestoso edificio risalente al XIV secolo. In passato era il centro principale del commercio in città. La Sala delle Contrattazioni è la più imponente, qui scatta la foto ricordo! 😉

Questo monumento è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1996. Se vuoi visitarlo, l’entrata costa 2€ (la domenica però non si paga).

La Cattedrale: si trova poco distante da Plaza de la Reina, o meglio tra questa piazza e Plaza de la Virgen. Si possono visitare diverse sale, però la più importante è sicuramente la sala 18, dove è custodito il calice del (presunto) Santo Graal.

Catedral Valencia

Se vuoi, puoi anche fare circa 200 gradini e salire sulla Torre del Micalet!
L’ingresso alla Cattedrale vale 6€ con audio guida (anche in italiano), mentre la salita al campanile vale 2€.

Piccola curiosità: questa Cattedrale è molto frequentata dalle donne in dolce attesa. La tradizione dice che si devono fare 9 giri attorno alla cupola (9 come 9 sono i mesi di gravidanza), affinché durante il parto vada tutto bene ed il futuro nascituro nasca sano e forte.

Torri di Serrano e Torri di Quart: sono le due antiche porte della città vecchia. Si possono visitare entrambi, l’ingresso vale 2€ (però la domenica, fino alle 15, si entra gratis).

Mercat de Colon: se non sei ancora stanco, ti consiglio di fare un salto anche al Mercat de Colón, in stile liberty. Qui puoi fare una dolce pausa, gustandoti la famosa Horchata di Valencia: una tipica bevanda dolce e rinfrescante preparata con “chufa” (un tubero), acqua e zucchero. Io la adoro, soprattutto in estate, è perfetta!
Ti consiglio due locali: l’Horchatería La Casa de l’Orxata e l’Horchatería Daniel.

2°GIORNO

Se il primo giorno avrai camminato un sacco, il 2° giorno camminerai un p’ di meno, ma ti faccio camminare lo stesso! 😛
Andiamo alla Ciudad de las Artes y las Ciencias, ovvero la Città delle Arti e delle Scienze!! Un vero e proprio spettacolo!!!

Oceanografic Valencia

Una città dentro la città, un complesso architettonico, realizzato dall’architetto Santiago Calatrava, che sono certa ti piacerà! Si trova vicino a Passaig de l’Albereda e si può raggiungere con il bus dal centro storico.
Questo complesso architettonico è composta da ben 6 strutture:

  • L’Oceanogràfic: l’acquario più grande d’Europa
  • L’Hemisfèric: un cinema digitale 3D
  • ll Museo delle Scienze Principe Felipe: museo che offre tantissime esposizioni interattive sulla scienza e la tecnologia. Adatto a tutti ma perfetto per i più piccoli che si divertiranno un sacco!
  • Palau de les Arts Reina Sofía: un teatro dove puoi assistere a diversi spettacoli come concerti, balletti e opere. Quando non si svolgono spettacoli, si può visitare il Teatro all’interno.
  • L’Umbracle: un enorme giardino di oltre 17.000 m2, dove passeggiare tra piante e sculture. L’entrata è gratuita.
  • L’Ágora: è l’edificio più recente e qui si svolgono eventi di vario tipo. Non è però aperto al pubblico.
  • Ponte de L’Assut d’Or: un ponte che attraversa il vecchio alveo del fiume Turia, tra il Museo de las Ciencias e l’Ágora. Può essere attraversato sia con la macchina che a piedi.

3° GIORNO

L’ultimo giorno è dedicato al relax..andiamo in spiaggia! 😉
Le tre spiagge cittadine più importanti sono la spiaggia Las Arenas, la spiaggia la Malvarrosa e la spiaggia la Patacona.

Spiaggia La Patacona Valencia

Spiagge lunghe, sabbia dorata, se vuoi c’è la possibilità di praticare sport acquatici come surf e kitesurf.
Se visiti Valencia in autunno o in inverno, ti sarà forse difficile fare un tuffo in acqua, ma non sarà freddo per passeggiare in spiaggia!!

Oltretutto, se passi di qui verso l’ora di pranzo o cena, fermati in uno dei tanti localini e ristoranti che si trovano sul lungomare. Puoi provare la vera paella valenciana da Casa Carmela, ad esempio, uno dei locali consigliati da Andrea, esperto di Valencia! Nel suo blog trovi tanti consiglio su dove mangiare la paella a Valencia e molto altro! 😉

Ultimo consiglio: durante il tuo soggiorno a Valencia, prova l’ “Agua de Valencia”, un cocktail a base di Cava o champagne, succo d’arancia, vodka e gin! 😉

Ti può interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.