Quando ho fatto un salto alle Isole Gili… 4


Sole, mare e paradiso

Un paradiso lontano, così lontano che non è facile neanche localizzarlo sulla mappa. Un viaggio lunghissimo per raggiungere un luogo speciale ed incantevole, le Isole Gili.

Lo ammetto, sono sincera…Fino allo scorso anno, non sapevo dell’esistenza delle Isole Gili. Nella lista dei tanti viaggi desiderati e delle tante destinazioni sognate, Bali e le isole indonesiane non erano mai state inserite. Ma posso spiegare il perché.

L’Indonesia è sempre stata per me un luogo così tanto lontano che sembrava quasi impossibile poter raggiungere. Uno di quei luoghi così belli ed inaccessibili che solo pochi riescono a visitare.
Me la sono sempre immaginata così, come possibile meta per un viaggio di nozze.

Poi un bel giorno, ricevo una proposta da alcuni amici: “Perché non vieni a Bali con noi”? E mi sono bastati pochi minuti per dire “Si, vengo!” 😀
E così a giugno dello scorso anno, dopo una settimana trascorsa nell’isola di Bali, abbiamo raggiunto le Isole Gili.

Isole Gili spiagge

Alla scoperta delle Isole Gili

Le isole Gili si trovano poco distanti dalla costa nord occidentale di Lombok e sono tre. La più grande si chiama Trawangan, mentre le altre due più piccoline si chiamano Meno e Air.
Tutte e tre sono raggiungibili sia da Bali che da Lombok e sono collegate tra loro attraverso un servizio di trasporto pubblico.
Di fatto, se vuoi visitare tutte e tre le isole, puoi tranquillamente appoggiarti al servizio pubblico invece di rivolgerti ad un’agenzia che organizza tour che sicuramente propone costi più elevati.

L’isola di Trawangan  è quella più conosciuta e maggiormente frequentata perché è qui che si concentrano il maggior numero di alloggi turistici, ristoranti, bar e servizi pe i turisti. Ed è qui che noi abbiamo alloggiato durante la settimana.

Gili Air è molto più tranquilla e perfetta per gli appassionati di diving e snorkeling; Gili Meno invece è ideale per coloro che vogliono vivere la sensazione di essere su un’isola deserta, perché qui non c’è quasi nessuno! 😉

Gili Air

Dall’isola di Bali, Gili Trawangan si raggiunge prendendo il traghetto dal porto di Padang Bai (se sei nella zona est dell’isola), altrimenti se sei a ovest puoi partire dal porto di SanurI collegamenti sono giornalieri, uno la mattina ed uno il pomeriggio e la durata del viaggio con le “speedy boat” dura circa un’oretta, poco di più.

Ci avevano consigliato, e lo consiglio vivamente anche io, di prendere il traghetto la mattina, perché il pomeriggio il mare è sempre piuttosto mosso ed il viaggio risulta poco piacevole.

Gili Trawangan

Ricordo perfettamente l’arrivo all’isola di Trawangan. Ad aspettarci, un’infinità di “cidomo”, ossia il carretto trainato dai cavalli.

L’aspetto più bello di quest’isola, e delle altre due minori, è che qui non ci sono mezzi di trasporto a motore. Non ci sono macchine, né moto, né motorini. Ci si muove solo ed esclusivamente a piedi, in bicicletta o utilizzando i cidomo, che sono considerati come dei taxi.

Gili Trawangan

L’isola è piccolina ed a piedi la si può tranquillamente percorrere in 2 ore circa, se utilizzi la bicicletta ti basterà un’ora soltanto. Il ritmo di vita qui è meraviglioso, soprattutto se ci si allontana un po’ dalla zona più turistica, che si trova esattamente dove attraccano tutte le imbarcazioni in arrivo da Bali o da Lombok.

E’ qui infatti che si trovano tutti i ristoranti ed i locali dove trascorrere la serata ed è la zona più frequentata dai giovani che hanno voglia di divertirsi. I bar sulla spiaggia sono molto curati ed innovativi, c’è sempre buona musica e si mangiano ottimi piatti di pesce.

Ricordo che rimasi molto sorpresa dallo stile e dalla cura di certi locali, perché per certi versi, molto simili allo stile moderno e creativo del modo occidentale.
Nonostante la movida però, non c’è troppa confusione, soprattutto di giorno. Anzi, le giornate sono scandite da un ritmo super rilassato ed in un contesto naturale che, nonostante i numerosi turisti, viene felicemente rispettato.

Se con la bicicletta però, ti addentri verso il centro dell’isola, scopri un altro mondo. Ci sono stradine non asfaltate e non illuminate (di notte meglio portare una torcia con sé), nel mezzo della vegetazione, che ti permettono di conoscere angoli e realtà dell’isola che, rimanendo solo lungo la costa, non hai la possibilità di vedere.

Gili Trawangan bambini

Capanne, panni stesi colorati, bambini che giocano scalzi per strada….quello che più mi ha impressionato è come queste persone vivano nella semplicità più assoluta e sono felici.
Li osservi, pensi allo stile di vita che hanno e quanto la tua vita sia completamente diversa, pensi al fatto che quelle famiglie e quei bambini non hanno niente, ma che in realtà sono molto più ricchi di noi….

Lontano dalla musica dei locali, lontano dai turisti, lontano da tutto quello che è puramente “marketing, offerta turistica, vendite”. Quella è ed era la vita vera, e sarei rimasta lì ad osservarla per settimane…..

Il nostro bungalow si trovava esattamente al centro dell’isola e le spiagge si potevano raggiungere in 10 minuti con la bicicletta. Un alloggio spettacolare gestito da ragazzi carinissimi e super gentili, sempre con il sorriso, sempre disponibili.

Per questo consiglio vivamente di non alloggiare in un resort sulla spiaggia, che non nego possa essere bellissimo, ma non da la possibilità di conoscere realmente l’isola. Ci sono bungalow a gestione familiare all’interno dell’isola che sono stupendi e raggiungerli di notte sotto le stelle, è qualcosa di magico! 😉

Bungalow isole Gili

Le spiagge delle Isole Gili

Le spiagge di Gili Trawangan sono lunghe, bianche e piene di corallo. Ed è proprio qui che sta la difficoltà! In alcuni punti dell’isola infatti, se non hai le scarpine di gomma adeguate, è difficile fare il bagno perché ci si fa male ai piedi.

L’acqua in certi punti lungo la costa è molto bassa e si deve quindi camminare parecchio per raggiungere il largo e tuffarsi…e senza scarpine è praticamente impossibile. Le zone migliori dove fare il bagno si trovano vicino alla zona del porto perché qui, in questo tratto di mare, ci sono meno coralli e si può camminare e tuffarsi tranquillamente.

Sull’isola inoltre si può praticare snorkeling e fare le immersioni. Vengono organizzate escursioni in barca…e se sei fortunato, puoi vedere anche le tartarughe marine!

mare isole Gili

Cosa mangiare alle Isole Gili

Posso partire dalla frutta e dai batidos? 🙂
Sono strepitosi!! Sulla spiaggia, con il sole, il rumore delle onde ed un batido di frutta tra le mani…non c’è niente di meglio! Puoi provarli con mango, papaia, cocco, banana, kiwi, arancia, pesca… puoi scegliere uno o più frutti, sono freschi e deliziosi!

Nei ristoranti si possono mangiare ottimi piatti di pesce ma anche di carne, il pesce fresco alla griglia è ottimo…e poi ci sono sempre gli immancabili noodles, preparati con verdure, carne o pesce.
Se ami il cibo di strada, puoi assaggiare qualche piatto locale, nelle bancarelle di street food che ci sono la sera…fai però attenzione alla cottura dei cibi! Si sa, in certi paesi è sempre meglio stare attenti!

Ultimo consiglio: goditi il tramonto, ogni sera……è magia pura…

Tramonto Isole Gili

Ti può interessare


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

4 commenti su “Quando ho fatto un salto alle Isole Gili…

    • Martina L'autore dell'articolo

      Ciao Monica! Si, anche io ho fatto la prima settimana a Bali, una settimana più “spirituale”, e poi una settimana alle Isole Gili, per giorni di totale relax…i tramonti sono qualcosa di veramente magico!!!

    • Martina L'autore dell'articolo

      Grazie! 😉 Anche io ho solo il biglietto di andata per Bangkok a febbraio! 😉 Però io girerò tra Thailandia, Cambogia e Vietnam credo…
      Sono belle le Gili, sano relax!!