Da Ayutthaya a Chang Mai. Il mio viaggio verso il Nord della Thailandia 4


Viaggiare in treno di notte. Una bellissima esperienza tra le meraviglie della Thailandia

Da Bangkok il mio viaggio è proseguito verso Nord. Dopo Kanchanaburi, mi sono diretta verso l’antica capitale della Thailandia, Ayutthaya, per poi raggiungere la cittadina di Chang Mai.

Dopo aver visitato la carinissima cittadina di Kanchanaburi, ho preso un minibus (anzi due) e ho raggiunto Ayutthaya, l’antica capitale della Thailandia.
Una tappa da non perdere se si decide di raggiungere il Nord via terra dopo essere stati qualche giorno a Bangkok.

Cosa visitare ad Ayutthaya

Sono arrivata ad Ayutthaya nel tardo pomeriggio, quindi non avendo molto tempo a disposizione e visto che si stava già facendo buio, ho deciso di raggiungere il Night Market (mercato notturno), per curiosare tra le bancarelle di cibo di strada.

Mercato notturno ayutthaya thailandia

Questo mercato mi è piaciuto molto, anche se piccolino, però c’erano davvero tante pietanze molto invitanti ed alcune bancarelle, con esposti i loro prodotti, sembravano delle vere e proprie opere d’arte.

Avrei provato di tutto, ma mi sono trattenuta! 😉
Mangiare qui, come in tutti i mercati thailandesi, è l’ideale se si vuole risparmiare un pochino e se si vogliono provare i prodotti gastronomici della cucina tradizionale. Per i piu coraggiosi, ci sono anche gli insetti fritti….io non faccio parte di questa categoria! 🙂

  1. insetti mercato ayutthaya Thailandia

 Parco storico di Ayutthaya

Il Parco Storico di Ayutthaya racchiude le rovine dell’antica capitale della Thailandia, fondata intorno al 1350.

Il parco storico è veramente molto grande e forse in un giorno solo non si riesce a visitare interamente. Io ho scelto di fermarmi ad Ayutthaya solo una giornata, quindi ho cercato di vedere i punti di interesse principali.
Ho visitato il Wat Phra Si Sanphet, il Wat Mahathat, il Wat Phra Ram ed il Wat Ratchaburana.

Testa buddha wat mahathat ayutthaya

Uno tra i più famosi è sicuramente il Wat Mahathat per la conosciuta testa del buddha incastrata tra i rami di un albero secolare. A me però è piaciuto moltissimo il Wat Phra Si Sanphet, il più maestoso.

Mi sono anche arrampicata sulle scalinate di uno stupa, rischiando poi la vita per scendere, visto che gli scalini sono stretti e super ripidi! 🙂

cima wat phra si sanphet ayutthaya

Il treno notturno verso Chang Mai

Dopo la visita al Parco storico di Ayutthaya, e dopo un bel pranzo in un localino moderno e molto carino, sono rientrata alla guesthouse insieme alle mie compagne di viaggio, per prendere le nostre cose, lasciare la guesthouse e raggiungere la stazione.

Questa volta, invece del solito taxi o del tuk tuk, abbiamo utilizzato un mezzo alternativo per spostarci. La proprietaria della guesthouse si è offerta (“offerta” per modo di dire visto che abbiamo pagato 100 baht a testa…in Thai niente e gratis!) di accompagnarci in stazione e ci ha caricato sul suo pick up. Uno dei momenti piu divertenti del mio soggiorno ad Ayutthaya!

Pick up Ayutthaya

Ero un po’ preoccupata e perplessa per il mio viaggio da fare in treno. Mi immaginavo un treno thailandese non particolarmente pulito, dove devi passare l’intera notte chiusa in una cuccetta, in un piccolo scompartimento insieme ad altre persone.

Mi sono ricreduta ed il viaggio è stato fantastico!! Su questo treno i letti, comodissimi, sono distribuiti per il lungo su tutto il vagone. Non ci sono singoli scompartimenti con 6 letti ciascuno (come ricordo per il treno notturno preso per raggiungere Parigi anni fa), ma il vagone è come un'”open space”, con tanti letti uno a fianco all’altro.

Treno Chang mai Thailandia

C’è aria condizionata, un vagone con servizio di bar/ristorante ed i bagni erano pulitissimi.
Ogni letto viene fornito di lenzuolo, coperta, cuscino (tutto imbustato e pulito). Ad ogni persona viene anche data una bottiglietta d’acqua.

Mi è piaciuta moltissimo come esperienza. Non si dorme come nel letto di casa propria e magari non ci si sveglia del tutto riposati, ma è davvero un’ottima opzione per raggiungere il Nord della Thailandia senza perdere una giornata in viaggio. Il viaggio in treno l’ho pagato circa 800 Baht.
Si può scegliere di stare nella carrozza con aria condizionata o ventilatore, in prima o seconda classe.
Il viaggio dura circa 11 ore. Io sono partita alle 19..45 da Ayutthaya per arrivare a Chang Mai alle 7.30 della mattina.

Chang Mai. La cittadina thailandese perfetta per i nomadi digitali

Chang Mai mi ha piacevolmente sorpreso. Una cittadina di circa 135 mila abitanti che io definirei moderna, giovane, colorata.
Nonostante ci sia anche qui molto traffico e smog, è molto diversa da Bangkok. È più verde, più a grandezza d’uomo ed è veramente piena di tanti bar, caffè e ristoranti molto carini e particolari.

C’è una zona della città dove si concentrano bar dallo stile alternativo, un po’ hippie, alcuni sono un po’ nascosti, altri offrono piatti vegetariani e vegani.
E tutti offrono wifi. Ho visto tantissimi ragazzi, lavorare con il proprio computer , magari sorseggiando un caffè o un batido di frutta.

Mi sono goduta Chang Mai in totale relax. Sono rimasta 4 giorni e ho approfittato per fare la lavatrice, lavare le mie cose, lavorare un po’ al mio blog e rispondere a qualche mail.

Posso nominare qualche bar, nel caso un giorno decidessi di visitare questa località: Into The Woods (dove ho bevuto un ottimo caffè espresso), My Secret Café in Town, Cerebrum & Friends (stranissimo!), Mountain View (perfetto per fare ottime colazioni).

Pero ce n’è uno in particolare che mi è piaciuto tantissimo, un bar consigliato da un amico che c’era già stato: il Clay Studio Coffee.
Un bar/ristorante immerso nel verde, tra piante, cascate e buddha. Una volta superata la porta ti sembrerà di entrare in un altro mondo.

clay studio coffee chang mai

Non senti più i rumori della città, ma solo il rumore dell’acqua che scende dalle piccole cascate. È un po’ come stare in una piccola giungla, anche se sei in centro città.

Cosa vedere a Chang Mai

A Chang Mai, prima di tutto, è bello passeggiare, perdersi tra le sue vie, scoprire e curiosare tra i mercati di cibo di strada.

Uno dei luoghi di interesse da non perdere però è il Wat Phra That Doi Suthep, un tempio che si trova nel parco di Doi Suthep, ad una quindicina di km dalla città.

Questo tempio si trova su di una collina ed essendo un po’ distante dal centro città, e necessario prendere un taxi o ancora meglio salire a bordo di un “songteaw“, i taxi rossi in città. Il viaggio costa circa 500 baht, quindi meglio se si riesce a dividere la spesa condividendo il viaggio con più persone.

don suthep chang mai

Per raggiungerlo si percorre una bella strada tra i boschi e poi, una volta arrivati, ci sono piu di 300 gradini da fare, ma ci si riesce tranquillamente.
Il tempio è bellissimo e tremendamente dorato! 🙂
Come per tutti templi, è necessario togliersi le scarpe e coprirsi le gambe, per poter entrare.
L’ingresso vale solo 20 Baht.

Da Chang Mai si possono fare tante escursioni, si può fare trekking, rafting, kayak, si può passeggiare con gli elefanti. Tutte attività che si possono fare se si prende parte a tour organizzati, che però a me non piacciono tanto, perché troppo turistici.

Non ti danno libertà, sei limitato con gli orari e soprattutto tante attività vengono organizzate esclusivamente per il divertimento del turista, a discapito degli animali, come il giro sull’ elefante, cosa che a me non piace per niente.

E allora come attività extra fuori città, ho deciso di fare un bel tuffo al Gran Canyon, un vero Canyon, reso accessibile a cittadini e turisti che vogliono fare un bagno. Un vero e proprio lago dove nuotare, prendere il sole, tuffarsi. A me è piaciuto molto!

gran canyon chang mai Thailandia

L’ingresso vale 50 Baht e si raggiunge con taxi o con i songteaw. Il costo del viaggio è di circa 400/500 Baht ( per raggiungere il Canyon ci vogliono una quarantina di minuti).

Qualche consiglio – tips di viaggio

Ayutthaya. Dove dormire: io ho dormito presso la guesthouse Moradok. Una guesthouse semplice, senza troppe pretese ma con stanze pulite e con un ottimo pancake per colazione.
Dove mangiare: al Night Market per provare qualche prodotto gastronomico tipico e consiglio il ristorante Malakor, dove ho mangiato un ottimo piatto di riso con pesce.

Chang Mai. Dove dormire: io ho dormito presso l’ostello Fun Wahn. Super carino e nuovissimo. Annesso all’ostello c’è anche un bar per fare una buona colazione.
Dove mangiare: qui c’è l’imbarazzo della scelta, io però sicuramente consiglio di prendere qualcosa di sfizioso o uno shake di frutta al Clay Studio Coffee.

Ti può interessare


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

4 commenti su “Da Ayutthaya a Chang Mai. Il mio viaggio verso il Nord della Thailandia

  • Leslie

    Ti ho trovato per caso, grazie della info.☺️
    Parto per la Thailandia tra due settimane e sono sempre molto confusa a come affrontare questo viaggio, c’e tanto da vedere che vado in confusione.
    Domanda, vorrei fare il viaggio da Ayutthaya a Chiang Mai in treno, viaggio notturno, quello che hai preso te di preciso. Questo biglietto l’hai preso con anticipo o basta arrivare alla stazione il giorno della partenza?
    È possibile scriverti se ho delle domande?

    • Martina L'autore dell'articolo

      Ciao Leslie, io il biglietto del treno lo avevo comprato qualche giorno prima in un’agenzia di viaggi locale, spendendo però un po’ di più perché ovviamente l’agenzia ti fa pagare qualcosina in più, però ci era stato consigliato di prenderlo prima per avere la certezza di trovare la propria cuccetta dove dormire.
      Certo, se vuoi scrivimi pure attraverso la mia pagina FB che magari riesco a risponderti più velocemente! 😉