“Ogni limite trasformato può diventare il tuo più grande talento” . Bravissima Vittoria!! 1


Vittoria – DREAM TRAVELERS

Mi chiamo Vittoria Diamanti, professione Life Coach e Insegnante Heal Your Life, ho 37 anni e da 8 mesi vivo a Bali.

Ho iniziato a viaggiare quando ero piccolissima. L’amore per le altre culture e per i paesi lontani l’ho ereditata dalla mia nonna paterna e successivamente da mio padre. Ero affascinata dalle loro storie e dagli aneddoti che mi raccontavano quando tornavano da lunghi periodi trascorsi il giro per il mondo.

Vittoria Dream travelers

Viaggiare mi fa sentire libera e mi regala sempre grandi emozioni attraverso incontri speciali o lezioni di vita importanti che solo il viaggio riesce a trasmetterti.

Viaggiare mi permette di riempirmi gli occhi di meraviglie e il cuore di forti sensazioni che difficilmente dimentico e che spesso riemergono, anche a distanza di tempo, riportandomi a momenti che hanno davvero fatto la differenza nella mia vita.

Cosa ti ha spinto a lasciare l’Italia?

Sono molti anni ormai che lascio l’Italia nel periodo invernale. Non sopporto il freddo e le poche ore di luce. Prima i miei viaggi duravano al massimo due o tre mesi e poi facevo ritorno a casa, ora ho deciso di trasferirmi a Bali ma non credo che mi fermerò qui.

risaie Bali indonesia

L’Asia si puó dire esser diventata la mia seconda casa. Quando stai in viaggio così tanto tempo non è semplice tornare alle vecchie abitudini, è uno stile di vita che amo in tutte le sue forme nonostante e al quale non rinuncerei per nulla al mondo. Essere libera di poter partire quando lo desidero e di scegliere la meta anche solo due ore prima che parta il volo, beh, questo per me è sinonimo di libertà.

Attualmente ti trovi a Bali. Cosa ti ha portato fino a qui?

A Bali ci sono arrivata “per caso”. 4 anni fa mi trovavo in Sri Lanka, partita come volontaria di un orfanotrofio. Fù una delle esperienze piu’ toccanti e difficili della mia vita. Il giorno di Natale ricevo la telefonata di un caro amico che mi dice: “Perché non vieni a Jakarta a trovarmi? Non siamo poi così lontani!!”

Due settimane dopo ero in volo verso l’Indonesia per poi scoprire che a solo un’ora e mezza di aereo avrei potuto raggiungere Bali. Un sogno!!! Il mio sogno di una vita stava per diventare realtà.

bali indonesia

Ho amato Bali fin dal primo momento in cui ho messo piede in questa terra magica. Bali trasforma, Bali è energeticamente potentissima e ha un fascino tutto suo.

Il tuo posto preferito sull’isola. Un suo pregio ed un suo difetto

Il mio posto preferito sull’isola è il tempio di Tanah Lot. Non so spiegarti la sensazione di stupore e l’emozione che ho provato la prima volta quando sono arrivata davanti a tanta meraviglia.  Mi sono sentita subito a casa ed è grazie a quella sensazione che ho capito che prima o poi mi sarei trasferita.

tramonto tempio bali

E’ qui che ho visto i tramonti piu’ belli della mia vita ed è qui che mi piace passare molto tempo a scrivere e ad ascoltare l’oceano. Qui ricevo le intuizioni migliori ed è qui dove ho sviluppato parte dei miei progetti piu’ importanti. Per me questo posto è magico e mi piace a qualsiasi ora del giorno e della notte. Ecco perché mi piace prenotare un hotel proprio di fronte al tempio, scollegarmi da mondo e godermi tanta meraviglia nei momenti della giornata in cui ci sono pochi turisti.

Un difetto di Bali? Il traffico.

Il tuo percorso di crescita personale e professionale è stato in questi ultimi anni molto intenso. Ci vuoi raccontare la tua esperienza?

Certo!!!! Per 30 anni della mia vita ho sofferto di Fibromialgia. I medici la definiscono ancora oggi  una malattia cronica ed incurabile. Io, invece, scelgo di chiamarla “Mal di vivere”.

A mio avviso non c’è cura perché non c’è malattia, bensì una grande sofferenza che ci si porta dietro da parecchi anni e che si riversa nel corpo con una tale violenza da costringerci a una vita di dolori itineranti, stanchezza cronica, annebbiamento del cervello, vulvodinia, dolori alla testa e alla mandibola, parestesie a gambe e bracci… E altri cento sintomi che non sto qui ad elencare. Avere a che fare con la Fibromialgia è davvero molto difficile soprattutto perché nessuno sa darti alcuna speranza e nessuno riesce a comprendere tanto malessere.

Un giorno incontro una Life Coach e la mia vita cambia radicalmente. Decido di affidare la mia vita a lei e di fare un grosso lavoro su Vittoria alla scoperta della mia vera identità. In tre anni sono diventata asintomatica, ho lasciato andare tutta quella rabbia che mi portavo dietro da tempo, ho perdonato chi dovevo perdonare, ho cambiato stile di vita e alimentazione e ho iniziato ad amarmi, ma amarmi davvero!!!! Oggi sono diventata la mia priorità, il sano egoismo è per me amore per me stessa e non potrei mai piu’ mettere davanti a me nessuno, ma proprio nessuno. Ogni giorno mi prendo cura di me a 360 gradi, ho lasciato andare la paura del giudizio, ho smesso di criticarmi e di vedermi come malata.

Io non ero la Fibromialgia, quella era un’etichetta che mi era stata affibbiata, io ero molto ma molto di piu’. Ed eccomi qui, sana come un pesce a divulgare da anni la mia storia sul web e a dare speranza a tutte quelle persone che soffrono. Se lo si vuole davvero si può​ uscire da tanta sofferenza ma bisogna volerlo con tutte le proprie forze.

Per questo motivo tornerò in Italia tra poco di piu’ di un mese perché sto organizzando una conferenza a Milano il 10 Settembre per raccontare come ho fatto io a uscire da tanta sofferenza. Sul palco con me saliranno altre 14 persone che hanno scelto di condividere le loro storie e spiegare come hanno trasformato la loro sofferenza in punto di forza, il loro dolore in crescita e i loro fallimenti in grandi opportunità.

Credo che al giorno d’oggi ci sia bisogno di esempi concreti dai quali  prendere spunto e iniziare a compiere i primi passi verso la vita che ognuno di noi desidera. Ho scelto di chiamare l’evento “IL VIAGGIO DELL’EROE” VERSO LA LIBERTA’ CHE OGNUNO DI NOI MERITA.

Cielo bali

Ed è proprio questo che credo, ogni essere umano merita di essere libero e io, insieme ai ragazzi che hanno scelto di aderire a questo mio progetto, vogliamo dare una speranza a chi non sa dove sbattere la testa ma allo stesso tempo non è piu’ disposto a vivere nel dolore. Chissà che qualcuno che sta leggendo queste mie parole stia proprio cercando delle risposte e grazie a questa condivisione le trovi una volta per tutte. I miracoli avvengono proprio così… E io in questi anni ne ho visti accadere tantissimi.

Un consiglio da coach. Cosa consigli a chi vuole cambiare la propria situazione ma non ha ancora avuto il coraggio di farlo?

Sono moltissime le cose che potrei consigliare a chi vuole migliorare la qualità della propria vita ma non ha il coraggio di compiere il primo passo.

  • Accettazione dello stato in cui ci si trova
  • Porsi degli obiettivi piccoli e festeggiare una volta raggiunti
  • Essere grato per tutto cio’ che si ha e smetterla di focalizzarsi su cio’ che manca
  • Iniziare a vedere i fallimenti come opportunità di crescita
  • Prendersi la responsabilità delle proprie azioni
  • Scrivere tanto così da alleggerire la mente
  • Iniziare a fare qualcosa per se stessi ogni giorno
  • Leggere libri, fare corsi e confrontarsi con persone che hanno gli stessi obiettivi
  • Iniziare a guardarsi con occhi diversi abbandonando la critica
  • Parlarsi con rispetto
  • Iniziare a porsi delle domande costruttive

vita bali indonesia

Inseguire i propri sogni. Si e perché?

Assolutamente si. Perché altrimenti ci si ammala e si vive una vita di rimpianti.

The Dream List: tre città che desideri visitare o dove andresti a vivere (almeno per un periodo)

Mi piacerebbe trasferirmi a Sydney per un po’. Ci sono già stata ma voglio tornarci per migliorare il mio inglese, risorsa fondamentale se si vuole vivere in giro per il mondo. L’Australia è uno dei paesi che mi ha rapita più di tutti, prima di vedere Bali pensavo fosse il mio posto preferito nel mondo. Ci sono stata due mesi, certi paesaggi rimarranno con me per sempre.

Prima di questa avventura sono tentata di trascorrere del tempo alle Canarie, in un’isola piccolina dove posso focalizzarmi su due grandi progetti che sto realizzando. Uno è la stesura del mio libro e l’altro è un corso sulla Fibromialgia dove racchiuderò tutto cio’ che ho imparato in questi anni a riguardo e tutto cio’ che ho fatto e che continuo a fare per stare lontana da tanta sofferenza.

Poi vorrei visitare le Filippine, altro sogno di una vita. Chissà, magari a Natale o Capodanno 2018 mi faccio un regalino. Mi piacerebbe andare anche in Nepal e in Papua Nuova Guinea e poi mi fermo qui perché la lista sarebbe davvero lunga 😉

Tre parole per descrivere perché dobbiamo viaggiare

Crescere, emozionarsi, sognare..Tre parole sono poche!! Posso aggiungerne altre? 🙂

Sentirsi liberi , abbandonare il superfluo, imparare ,mettersi in gioco, conoscersi fino in fondo, avere pazienza, essere indipendenti, conoscere persone straordinarie, avere nuovi punti di vista.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un commento su ““Ogni limite trasformato può diventare il tuo più grande talento” . Bravissima Vittoria!!