Frutta e verdura nelle Filippine: una lista dei prodotti più strani .. e qualche ricetta!


Paese che vai, cibo che trovi…

Ogni paese ha le proprie caratteristiche, anche quando si parla di cibo ovviamente. In ogni paese ci sono tipi di frutta e di verdura che in altri paesi non esistono e che probabilmente non hai mai provato in vita tua.

Dopo mesi di vita trascorsi nelle Filippine, mi sono resa conto che ho assaggiato e provato così tanti piatti e prodotti diversi, di cui in realtà non conosco il nome.
Forse i nomi specifici mi sono stati detti più volte, ma non sono mai riuscita a ricordarli e soprattutto ad associarli ai singoli prodotti mangiati.
Ho deciso così di fare una ricerca sul web per riuscire a stilare una lista di tutti i tipi di frutta e verdura provati nelle Filippine in tutti questi mesi, in modo tale da avere un elenco completo.

Oltretutto nelle Filippine, per quanto il popolo filippino ami la carne, ci sono un sacco di ricette a base di verdure, come zuppe e stufati.
Con la frutta invece, vengono preparati diversi dolci e sfizioso cibo di strada.

Il chayote

La verdura nelle Filippine

Generalmente al supermercato acquisto sempre gli stessi tipi di verdura, per 2 motivi principali: perché mi piacciono e perché (e soprattutto), tante verdure filippine non so neanche come cucinarle!!
Nelle isole trovi i prodotti locali quindi la scelta è più ristretta, mentre a Manila, nei grandi supermercati, puoi trovare anche verdure importate da altri paesi, come ad es. zucchine, vari tipi di funghi, cetrioli, radicchio. Ovviamente il prezzo è più alto (soprattutto per le zucchine!!)

Inizialmente acquistavo solo le verdure che già conoscevo e mangiavo sempre pomodori, zucchine, patate, melanzane, insalata, rapa, cetrioli, zucca. Con il tempo ho iniziato a sperimentare altre verdure, chiedendo ai miei amici filippini come cucinarle.

Ecco un elenco (quasi) completo delle verdure che puoi trovare nelle Filippine (quantomeno quelle che ho assaggiato io):

Alugbati: sono un tipo di spinaci, normalmente vengono bolliti e usati come ingrediente per le zuppe
Ampalaya: ha la forma di una zucchina, ma non lo è. E’ un tipo di zucca, ma a differenza del sapore dolce che ha la nostra zucca nostrana, l’ampalaya è amarissima! Dicono che faccia molto bene alla salute, ma ci vuole un po’ di tempo per abituarsi al sapore!

L’Ampalaya

Chayote: una delle verdure filippine che più mi piace e che se so cucinare! E’ una specie di zucca, ma all’apparenza sembra una pera raggrinzita.
Gabi/Taro: è un tipo di tubero molto simile alla patata
Kailan: un tipo di broccolo conosciuto come broccolo o cavolo cinese
Kamote: la patata dolce (forse c’è anche in Europa, ma meno diffusa)
Kamoteng kahoy: è la tapioca, usata molto spesso per preparare i dolci. Io non ho mai provato a cucinarla, ma l’ho vista ovunque, in qualsiasi mercato o supermercato
Kasuy: sono gli anarcardi, ma la loro forma è piuttosto strana. A primo impatto non diresti mai che sono anacardi!

L’anacardo kasuy

Labanos: la rapa, però ha una forma allungata, mai vista in Europa. Adoro! La mangio tutti i giorni. 
Langka/Jackfruit: è quella che in italiano viene chiamata “giaca” ed in realtà è un frutto (viene mangiato fresco e ricorda il Durian malese). Viene però anche cucinato e servito come contorno insieme al riso o alla carne, quindi da cotto, si mangia come se fosse una verdura. Normalmente viene preparato con il latte di cocco e per me è buonissimo!! La cosa particolare è che, quando è cotto, cambia di colore e passa dal giallo al bianco. 
Pandan: è una pianta che viene utilizzata molto spesso per fare la gelatina, utilizzata per i dolci (i filippini amano le gelatine!!). Uno dei dolci più conosciuti infatti è il “buko pandan”, preparato con l’aggiunta di latte di cocco.

Il dolce Buko Pandan

Pechay: sembra un tipo di insalata, ma in realtà è un cavolo. Puoi mangiarlo fresco o saltato in padella. Il Pechay è una delle verdure filippine che ho iniziato ad apprezzare parecchio! Viene usato molto anche nelle zuppe.
Sampalok: è il tamarindo. Usato per diverse ricette. A me piacciono molto le caramelle, un po’ piccantine!
Sitaw: i nostri comuni fagiolini, però questi hanno una forma lunghissima
Ube: un tubero dal sapore dolce. Lo adoro, soprattutto per il suo colore!! E’ viola! L’ube viene utilizzato principalmente per fare i dolci: dalle torte al gelato, dai biscotti alla marmellata (viene usato anche per l’Halo Halo).

Il gelato fatto con l’ube

La frutta nelle Filippine

Ah la frutta tropicale, che meraviglia!!! Dimenticati il mango o la papaya che compri nei supermercati in Italia. Qui hanno tutto un altro sapore!
Oltre alla frutta tropicale che sicuramente già conosci, come appunto il mango, la papaya, l’ananas o il cocco, ci sono tantissimi altri tipi di frutta che io, personalmente, non avevo mai provato prima:

Pandan: di cui ho parlato già sopra (anche se mangiato fresco non mi piace moltissimo…). Ha la forma di una pigna, infatti in inglese è chiamato “screw pine”.

Il pandan

Jackfruit: è la giaca, come accennato prima
Mangosteen: lo adoro!! Non assomiglia a nessun altro tipo di frutto e non saprei come descriverlo, ma è buonissimo! La buccia è dura ed una volta spaccata, dentro c’è il frutto fatto a spicchi, come un mandarino, però gli spicchi sono bianchi e dolcissimi.

Il mangosteen

Atis (custard apple): è un tipo di mela, dolcissima! Usata per fare biscotti, torte e creme dolci. 
Calamansi: è di fatto il lime e non lo mangi come frutto in realtà. Può essere utilizzato per preparare una bevanda freschissima in stile limonata e per condire piatti di carne e verdure. Infatti è quasi più considerato come una verdura.
Rambutan: assomiglia al lici (lychee), la polpa è di colore rosa pallido ed è molto dolce.

Ricette filippine che sono in grado di preparare

Per chi mi conosce sa che non sono una grande chef, anzi, so fare ben poco in cucina e cucinare non è in assoluto la mia passione.
Vivendo nelle Filippine, però, con il passare dei mesi, mi sono incuriosita di alcune ricette (semplici ovviamente) e ho cercato così di imparare a realizzarle.
Ecco i 4 piatti filippini che sono in grado di preparare:

Torta Talong

Si tratta di una semplice frittata di melanzane (Talong infatti significa melanzana), però invece di tagliarla a pezzettini piccoli, la melanzana viene cucinata intera: viene prima aperta ed un po’ schiacciata per essere bollita, poi immersa nell’uovo sbattuto e fritta.

Torta Talong

Ginataang Langka

Ricetta che prevede il frutto Langka (vale a dire il Jackfruit / giaca) cotto nel latte di cocco. A me piace tantissimo, anche se preparato dalle donne filippine nelle “calenderie” (ristorantini) locali è molto più buono.
Generalmente per insaporire vengono aggiunti anche pezzettini di pesce, tipo piccole sardine, ma a me piace la ricetta originale.

Ginataang Langka

Chicket Pancit

Il pancit è una ricetta a base di noodles che all’apparenza possono sembrare spaghetti, si può dire che sono i nostri spaghetti in versione orientale.
L’impasto si ottiene infatti dalla lavorazione di più farine tra cui riso, grano saraceno e farina di patate e possono essere preparati in vari modi, cotti come facciamo noi con la pasta o fritti.
Io ovviamente non preparo l’impasto a casa, ma compro i noodles già fatti, poi li cucino facendoli saltare in padella, insieme a verdure e pezzettini di pollo.
Ci sono però tantissime versioni, anche con altri tipi di carne o con i gamberi.

Il piatto di Pancit

Ginisang Sayote

Ricetta molto semplice che vede come protagonista, il chayote, un tipo di zucca di cui ho parlato sopra. 
Taglio la verdura a pezzettini piccoli e la salto in padella con cipolla, pezzettini di pomodoro e carne macinata. Per rispettare la ricetta filippina, il piatto dovrebbe essere accompagnato dal riso, ma io spesso lo mangio con il pane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.