Las Vegas e la Death Valley


Hai presente quelle strade lunghe infinite, quelle che hai sempre visto nei film?
Quelle che io sognavo di percorrere da una vita, il sogno americano di sempre…quei viaggi che un giorno sai che farai perché lo desideri più di ogni altra cosa…
Quando si parla di sogni, io parlo di viaggi ed avventure ma parlo soprattutto d’ America

E così l’anno scorso, dopo aver trascorso qualche settimana a Los Angeles, tra le sue strade e le sue meraviglie, insieme ad alcuni couchsurfers, ho affittato una macchina e siamo partiti all’avventura, alla scoperta di quello che le terre californiane e non solo, ci avrebbero regalato.

California Death Valley

DEATH VALLEY

Primo obiettivo: raggiungere la Death Valley.

Il Death Valley National Park, conosciuto anche come la Valle della Morte, è un parco situato nello Stato della California ed in parte nel Nevada ed è conosciuto per essere il punto più basso del Nord America. E non solo! E’ famoso anche per essere la zona più calda degli Stati Uniti. La temperatura in certi periodi dell’anno infatti può raggiungere anche i 45/50°!

Io ho visitato la Death Valley a novembre e non ho raggiunto il punto più basso quindi non ho avuto problemi con la temperatura…ma solo con l’orientamento!! 🙂

California Death Valley

Immaginati un paesaggio arido e desertico, strade lunghe infinite e cartelli stradali ogni 200 miglia. Sembra di essere in un altro mondo tra le sue montagne ondulate e le sue dune di sabbia che creano dei disegni all’orizzonte, le sue conformazioni strane, come le colline di spuma rocciosa di Zabriskie Point e i suoi laghi ormai evaporati come il Badwater.

Da Los Angeles siamo partiti verso le 2 del pomeriggio con l’idea di raggiungere Las Vegas per l’ora di cena, attraversando prima la Death Valley, con navigatore a portata di mano.
Non abbiamo però valutato la possibilità che nella Valle della Morte potesse venire a mancare la connessione e quindi potesse non funzionare il Gps.
Ed una volta entrati nel Death Valley National Park…ci siamo persi!!!
Con una sola mappa cartacea in mano e con poca benzina nel serbatoio, ci siamo addentrati per quelle strade immense senza una meta precisa e con uno stato d’animo strano, un misto tra preoccupazione ed euforia..

Il sole stava tramontando e non sapevamo ancora come uscire dal parco e raggiungere Las Vegas, ma le meraviglie naturali attorno a noi, ci regalavano una strana pace interiore.

Dune di sabbia Death Valley

Eccomi qui, a saltare sulle dune di sabbia di Mesquite Flat, dune ondulate che si estendono per quasi 40 km quadrati..uno spettacolo assurdo! Un tramonto nuovo, un tramonto che non si dimentica!

..e poi via! In direzione Las Vegas e con la speranza di trovare una stazione di servizio per fare rifornimento! 🙂
In pieno stile western, questa stazione di servizio ed il suo gestore, ci hanno salvato la vita, dandoci benzina ed informazioni utilissime per raggiungere la successiva tappa!

Death Valley California stazione di servizio

LAS VEGAS

Questa città si trova nella contea di Clark ed è la città più grande dello stato del Nevada. Tutti la conoscono per essere la capitale del divertimento e del gioco d’azzardo, per i suoi casinò e per i suoi hotels che ricordano altri luoghi e città del mondo.

Vuoi sapere come mi immaginavo io Las Vegas? Di fatto non mi rendevo neanche conto di come architettonicamente fosse distribuita la città. Per tanto tempo mi sono chiesta “ma è una città fatta solo di hotels o ci sono anche case normali? E’ frequentata solo da turisti e gente ricca o anche da normali cittadini”?

Venezia a Las Vegas Nevada

E la risposta è arrivata quando finalmente siamo arrivati in città…la vera Las Vegas, la città abitata, non la conosce nessuno ed è distante dalla Las Vegas che conosciamo tutti. Quella che conosciamo è quella finta, un’area urbana sulla cui strada principale sono distribuiti hotels e casinò…c’è Roma, Venezia, Parigi, New York, il Cairo
Vedi la Torre Eiffel, la Fontana di Trevi, le Piramidi…puoi passare da un hotel all’altro utilizzando delle scale mobili esterne e puoi entrare nelle hall degli hotel anche se non sei un cliente.
Poi ci sono i casinò, in cui puoi entrare anche se non giochi…

Parigi a Las Vegas Nevada

E’ strana, è tutto strano…ma divertente! Noi abbiamo dormito in un ostello fuori dal centro e con la nostra macchina ci siamo avvicinati in prossimità della strada principale e abbiamo curiosato all’interno dei diversi hotel…
In poche ore ho viaggiato tra Francia, Italia, Egitto e America

Una delle emozioni più belle è stata quella di arrivare a Las Vegas di sera, passare dal deserto della Death Valley senza alcuna luce attorno a te e vedere in lontananza le luci della città che brillano…avvicinarti ed essere completamente assorbita da quelle luci che da sempre avevo sognato di vedere dal vivo.

Un altro sogno che si realizza..where the dreams come true.

New York a Las Vegas Nevada

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.